centouno voci per i paesaggi quotidiani” è il sottotitolo dell’atlante delle nature urbane, un volume che racconta a più voci i differenti modi di vivere la natura in città. filosofi, giardinieri, attivisti, cittadini, paesaggisti, architetti, ecologi, semiotici, agronomi, sociologi, artisti, come in un puzzle sono stati invitati a comporre il complesso quadro che descrive il connubio natura-città. dialogando tra loro, voci colte e appassionate si intrecciano mostrandoci quello che a volte i nostri occhi non sono in grado di percepire. accanto alla cementificazione degli spazi urbani, un'altra modificazione lenta ma inesorabile accompagna l'evolversi dei nostri paesaggi urbani. migliorandoli. nasce così la cultura della natura urbana, dove per natura si intende quel verde che cresce e sopravvive a dispetto del poco spazio dedicatogli nelle articolate trame urbane. l’atlante delle nature urbane, che pur essendo caratterizzato da un impianto originale riesce a mantenere l’impostazione didascalica del dizionario, dà spazio a 64 autori che in 101 voci riportano diversi sensi, diversi sguardi, diverse visioni che si toccano con differenti sfaccettature per presentarci una fotografia completa e assoluta della natura in città. il libro è curato da maurizio corrado e anna lambertini.

contributo per l'atlante delle nature urbane sul tema "bambini in città"

contatti

contatti

casa

principi

mappa

attività

mappa
principi
pagina casa